Servizi‎ > ‎

Burgstein



Complementi alimentari ortomolecolari

«Dobbiamo curare la salute non la malattia»


La Burgerstein è leader nello sviluppo e nell’utilizzo di prodotti a basi di micronutrienti con effetto preventivo o terapeutico. Questi prodotto tengono conto delle conoscenze mediche attuali e dei principi della medicina ortomolecolare, al fine di ottenere un beneficio massimale per i pazienti e i clienti.






Cos’è la medicina ortomolecolare


La cosiddetta medicina ortomolecolare è una pratica terapeutica alternativa nutrizionale. Si basa sull’utilizzo di aminoacidi, vitamine, sali minerali e su metodi igienico-sanitari, in quanto molti disturbi e malattie derivano da sostanze chimiche che possono essere evitate, o da sostituzioni che possono trattare, a volte curare, riequilibrando l’assetto biochimico individuale con l’uso di sostanze chimiche naturali (vitamine, minerali, enzimi, antiossidanti, aminoacidi, acidi grassi essenziali, probiotici, fibre dietetiche e acidi grassi a catena corta intestinali). La medicina ortomolecolare (dal greco «orthos»=dritto, giusto e dal latino «molecula»=piccola massa, molecola) utilizza quindi i micronutrienti per preservare la salute o per trattare le malattie. Il termine “ortomolecolare” è stato usato per la prima volta dal premio Nobel per la chimica Linus Pauling nel 1968 esprimendo l’idea delle giuste molecole nella giusta quantità. Pauling di conseguenza ha definito la medicina ortomolecolare come “il trattamento delle malattie ottimizzando le concentrazioni delle sostanze normalmente presenti nel corpo umano” ed anche la “prevenzione per la salute e la cura delle malattie variando la concentrazione nel corpo umano di sostanze presenti in esso che servono per il mantenimento della salute”. I trattamenti ortomolecolari sono utilizzati nell’ambito della medicina alternativa, a volte in maniera integrativa con altre tecniche alterenative, quali l’omeopatia, la fitoterapia o i sali di Schüssler, e si basano su studi nutrizionali tradizionali, sia recenti che storici. I trattamenti ortomolecolari sono anche di supporto per le terapie farmacologiche croniche, riducendone gli effetti collaterali o i danni a breve, medio e lungo termine.





I trattamenti ortomolecolari


Vengono considerati micronutrienti le sostanze quali le vitamine, i sali minerali, gli oligoelementi, gli amminoacidi o gli acidi grassi. Questi micronutrienti, che sono considerati essenziali, vengono assunti con l’alimentazione o sono in parte sintetizzati dall’organismo. Essi costituiscono la base del metabolismo funzionale. Un apporto sufficiente è di conseguenza indispensabile per il mantenimento della salute. Una carenza di micronutrienti è alla base di un gran numero di malattie. La medicina ortomolecolare tiene per tanto conto dei processi naturali del metabolismo e ha come principio di non utilizzare alcuna sostanza estranea all’organismo.





I micronutrienti in medicina


I micronutrienti comprendono le seguenti sostanze: vitamine, sali minerali, oligoelementi, amminoacidi, enzimi, sostanze vegetali bioattive. Una gran parte di questi micronutrienti non può essere prodotta dal corpo umano. Per questa ragione quest’ultimo dipende dall’apporto fornito dall’alimentazione o dagli integratori alimentari. La medicina ortomolecolare si basa sulle conoscenze mediche e naturaliste e dipende dalla vocazione a completare la medicina classica e le medicine alternative. La biochimica, la tossicologia e la scienza della nutrizione hanno un’importanza centrale nella medicina ortomolecolare. Il suo fine è quello di mantenere o di ristabilire l’equilibrio biochimico. I risultati terapeutici nella medicina complementare dipende essenzialmente dalla qualità delle materie prime. La scelta degli ingredienti appropriati che possiedono una biodisponibilità migliore (assorbimento e valore nutritivo) esige conoscenze ed esperienze notevoli. Per poter agire efficacemente, i micronutrienti devono venire assorbiti completamente ed essere disponibili in quantità sufficienti nel loro sito d’azione, ciò vuol dire in ciascuna cellula.





Qualità


La fabbricazione dei prodotti Burgerstein risponde a esigenze di qualità rigorose. I prodotti sono conformi alle direttive internazionali GMP e alle norme CH (Swissmedic, OFSP). In riferimento alla qualità dei prodotti Burgerstein, il termine ortomolecolare significa che: i principi attivi utilizzati sono naturalmente presenti nell’organismo e servono a conservare la salute; non viene utilizzato alcun eccipiente riassorbibile estraneo all’organismo (conservante, colorante, aromi); i principi attivi contenuti nei prodotti Burgerstein sono in perfetta armonia fisiologica con il bisogno del corpo.




lunedì, 21 gennaio 2013
Comments